Sta suscitando molto clamore un post condiviso su Facebook dal Movimento No Tav che, sabato scorso a Torino, ha organizzato un corteo che ha coinvolto circa 70mila persone (stando ai dati forniti dall’organizzazione). Corteo in cui è stato ribadito una sorta di ultimatum al Movimento 5 Stelle, chiamato a rispettare le promesse effettuate in campagna elettorale.

Ebbene, nel post in questione viene mostrata la foto di alcuni “gilet jaunes” che, a Parigi, fanno bella mostra di uno striscione “No Tav“. Il messaggio è stato duro e provocatorio, lasciando però una lunga sequela di polemiche: “Come recitava un cartello nel corteo di sabato: chi ascolta industriali e banchieri invece del popolo, finisce male! Governo avvisato…”.

Nel resto del messaggio ci sono toni più concilianti: “Le notizie che arrivano dalla Francia sono al tempo stesso terribili ed entusiasmanti. Ormai nel mondo ci sono due parti: un potere sempre più arroccato e i popoli che lottano per un futuro decente per tutti”.