Settimana Bianca in Trentino. Le località migliori

| |

L’intero Trentino vanta una moltitudine di comprensori sciistici raggruppati in 15 aree individuate separatamente (di solito valli), moderni impianti di risalita e oltre 800 chilometri di piste, compreso il percorso iconico del Sellaronda. Toccato all’estremità meridionale del Lago di Garda e dominato dalle Dolomiti nella sua parte più alta, il Trentino è ricco di bellezze naturali e facilmente raggiungibile da numerosi aeroporti, Verona è il più comodo.

La grande domanda in una regione così grande è dove andare? C’è un’ampia scelta di resort per tutte le tasche con sistemazioni che vanno da bed and breakfast a conduzione familiare, semplici hotel a 1 e 2 stelle di buon valore fino a scintillanti proprietà a 5 stelle dotate di tutti i servizi di cui potresti aver bisogno per la perfetta vacanza sulla neve, incluso il “ Benessere ” ‘centri.

Abbiamo chiesto ai nostri amici del sito Settimanabiancaintrentino.it quali siano le migliori località per organizzare le vacanze sulla neve in Trentino Alto Adige, tra relax in famiglia, paesaggi mozzafiato, buon cibo e sport invernali!

Passo Tonale

A cavallo del confine tra Trento e Brescia, il Passo del Tonale è una lunga striscia in cima al suo omonimo passo. Seduto a 1.900 m – se non al 100% di neve sicura – è piuttosto vicino, con una stagione che spesso si estende fino a maggio e lo sci sul ghiacciaio in estate nella vicina Presena (3.000 m). Seduto come in un anfiteatro naturale, il Tonale ha un eccellente record di sole. Gli impianti di risalita si estendono dal resort su entrambi i lati della valle dando accesso a 100 km di piste (24% blu, 60% rosse e 16% nere). Il fascino del Passo Tonale comprende molti hotel “ski-in, ski-out”, i più ricercati si trovano sul versante nord della valle dove si trovano la maggior parte degli impianti di risalita. Il Tonale è collegato con le piste di Ponte di Legno (sullo stesso valico), oltre il confine con la Lombardia, portando un’altra dimensione all’esperienza e uno skibus collega le due località, se necessario.

Madonna di Campiglio

Elegante è una parola usata frequentemente in relazione all’Italia e Madonna di Campiglio, nelle splendide Dolomiti di Brenta, riflette perfettamente questa descrizione. Italiano nel cuore e nello stile, Campiglio ha un nome sinonimo della famosa corsa del Canalone Miramonti, da più di 50 anni un appuntamento fisso nel circuito di Coppa del Mondo di slalom. Con non meno di quattordici hotel a 4 stelle e una miriade di boutique eleganti nel centro pedonale della località, sostenute da una vivace vita notturna centrata attorno a bar alla moda, la qualità e la gamma dello sci è uguale all’offerta di resort fuori montagna . Ci sono 60 km di piste (50% blu, 33% rosse, 16% nere) nel cortile di Campiglio ei collegamenti con Folgarida-Marrileva si estendono fino a 150 km. Per emozioni di altro tipo, prova l’arrampicata su ghiaccio su cascate ghiacciate o magari un punto di parapendio dal Monte Spinone.

Vald di Fassa

Val di Fassa è il nome collettivo di una serie di paesi e stazioni sciistiche che insieme offrono 220 km di piste da sci in mezzo alla grandiosità del panorama spettacolare delle splendide Dolomiti, coronate dalla torreggiante Marmolada a 3.342 m. Ben note località sciistiche includono Canazei, Campitello, Pozza di Fassa e la porta d’accesso all’area – Moena. Ogni resort ha il proprio carattere e stile e c’è un resort adatto a tutti i gusti, in termini di gamma di alloggi, intrattenimento e opzioni di ristorazione, sia in montagna che fuori. La vasta rete di impianti di risalita comprende molti punti di accesso al potente comprensorio Dolomiti Superski. Gli skibus collegano le diverse aree, quindi è abbastanza fattibile sciare ogni giorno in una zona diversa, e tutti vorranno fare il giro del Sellaronda, un giro di 40 km intorno al Massiccio del Sella, ascensore servito fino in fondo!

Val di Fiemme

La Val di Fiemme nelle Dolomiti Orientali è composta da cinque comprensori sciistici distinti – Ski Center Latemar, Alpe Cermis, Bellamonte-Lusia, Passo Rolle e Passo Lavaze – che complessivamente offrono 110 km di piste (45% blu, 40% rosse, 20% nera) compresa la pista Olimpia di 7 km che scende e impressionante 1.400 m ed è tra le piste più famose delle Alpi. Lontano dalla discesa, il centro fondo Lago di Tesoro ospita il Campionato del Mondo 2013, come già fatto due volte in precedenza, oltre ad essere sede dell’annuale corsa campestre Marcia Longa. La maggior parte degli ospiti sceglie di soggiornare a Predazzo, ai piedi dell’impianto Ski Center Latemar, oppure a Cavalese con il suo accesso all’Alpe Cermis. In entrambe le località ci sono moltissimi hotel 3 stelle in stile alpino e Cavalese dispone anche di un hotel 4 stelle. Dei due posti,

San Martino di Castrozza

Probabilmente, San Martino di Castrozza si trova in uno dei luoghi più belli di qualsiasi località di montagna. Alle spalle del paese si trovano le Pale di San Martino, un gruppo di sporgenti vette dolomitiche che assumono una tonalità rosa cangiante al calare del sole nel cielo notturno. Questo è un motivo sufficiente per visitarlo, ma adagiato in uno splendido isolamento dal resto del circuito sciistico, San Martino di Castrozza vanta le sue tradizionali caratteristiche trentine, con oltre 60 km di piste (40% blu, 30% rosse, 30% nere). Sull’impianto di risalita di San Martino di Castrozza sono presenti due zone distinte: l’Alpe Tognola con accesso dal paese e il Passo Rolle, a breve distanza in autobus dalla località. Uno skibus gratuito che collega i vari punti e per un po ‘di divertimento la sera prova la pista Verde illuminata.

Val di Sole

La Val di Sole nelle Dolomiti di Brenta comprende due località, Marilleva e Folgarida. Insolitamente, i visitatori possono arrivare a Marilleva 900 in treno, con collegamento da Trento, e all’arrivo si dirigono fino a Marilleva 1400, la più tranquilla e piccola delle due località della Val di Sole. Folgarida è la più vivace delle due, con una buona offerta di hotel, ristoranti e bar. Il comprensorio sciistico della Val di Sole comprende 53 km di piste (60% blu, 28% rosse, 12% nere), anche se si collega con Madonna di Campiglio, raddoppiando la superficie sciabile.

Folgaria, Lavarone e Luserna

A sud di Trento, e non lontano dall’estremità settentrionale del Lago di Garda, il fiore all’occhiello di questa zona è lo ‘Skitour of the Forts’ – un circuito di 83 km tra Folgaria, Lavarone e Fiorenti, collegato da una serie di forti della prima guerra mondiale, costruito dall’Italia per difendere i suoi confini. Più convenzionalmente, le località condividono 83 km di piste (30% blu, 60% rosse e 10% nere). Folgaria è la località più grande, con una buona scelta di hotel, ristoranti e bar oltre a un eccellente stadio del ghiaccio per pattinare e guardare l’hockey su ghiaccio. Sembra che ogni area di base abbia il proprio gruppo di hotel e ristoranti, rendendo la scelta della sosta all’ora di pranzo un problema gradito. Uno skibus gratuito collega Folgaria a Lavarone con fermate intermedie. Fuori dai sentieri battuti rispetto alle località più a nord, Folgaria è comunque un’ottima scelta per una settimana bianca in famiglia,

Previous

Don Donato Lauria e le difficoltà del rione Cocuzzo di Potenza

Lascia un commento